OUT NOW!


"Loro Dentro. Giovani, Migranti, Detenuti"
a cura di Roberto Beneduce, Luca Queirolo Palmas e Cristina Oddone

professionaldreamers tweets professionaldreamers tweets

Friction Atlas

(Italian text below)

We are happy to present a new guest curator project:

Friction Atlas, a choreographed debate about public space, law and legibility

developed by Paolo Patelli and Giuditta Vendrame of design and research collaborative La Jetée for BIO 50, the 24th Biennial of Design in Ljubljana (18.9—7.12.2014)

As part of The Agency of Walking, we looked at the simple act of walking in the city, and logged into our project some of the rules and constraints that regulate the circulation of citizens within urban space. We explored a variety of cases through research, street markings and performances. We drew 1:1 diagrams onto the pavement of various public spaces to illustrate the rules that control their use, and those in cities such as Genoa, Cairo, Washington, Stockholm, Sydney. We deliberately designed and arranged a situation, through the collective organisation of an environment and a play of events. This resulted in a series of actions, dérives, crossings of the city. We invited the public to perform staged choreographies, and to discuss, aiming to a rereading of urban space, which would highlight some of its hidden or forgotten aspects.

The algorithmic quality of regulations

Regulations try to discretise human behaviour. Sometimes they are rigorous and mathematical, other times loose and under-defined. They tend to be algorithmic, quantitative and invisible. Through Friction Atlas we aimed to make regulations – always implicitly present in any public space – explicit and legible, through graphical devices. Through the engagement of the public, as remarked by Regine Debatty, the dynamics of authority became not only visually but also physically discernible. Regulations are nothing but symbols, conventions, but they have the power of persuading human beings to act. When they are put to work, they make things happen. They are sets of instructions that incorporate power, while responding to internal and external conditions. They are a kind of invisible structural force that plays through into everyday life. Citizens perform in their everyday a synchronised routine of elaborate moves on public surfaces. We recognise, in such patterns, a choreography that extends way beyond exceptional events. Regulative rules exist for picnicking in a park in New York City, for group dancing in Sweden, for kids to return home in Iceland, and it is not uncommon to spot on the media demonstrators keeping their march to one line, standing on the sidewalk, always fewer than fifty, in front of the White House.

Abstraction and reality

The idea of making such instructions legible on public ground, came to us last April, in Cairo. We were with a group of friends, just outside a bar in Talaat Harb. At one point, one of them grinned, realising that – according the then recently introduced Egyptian anti-protest law – we were being illegal. We immediately thought of how a group could be identified, or concealed. What’s the shape of the threshold in our mutual interactions? In code, objects – even people – are abstracted. They cannot be known in themselves or in their being. Things are only known through their predicates, their “quantified” qualities. Citizens, as individuals or groups, are measured for their number, the noise they make, the age they have, the distance they keep. This tension become tangible in the materiality and reality of the street, which is then seen as the natural medium for opening a discussion.

A shifting role-playing game

In our prototypes and tests in Berlin and Ljubljana, as much as in the final installation in front of Moderna Galerija, the street afforded interactions between the public and the designed graphic devices, beyond what we had planned and imagined.

The physical context turned into an open playing field, or a loose game board. We posed an invitation to play, while keeping the experience ambiguous, and valuing the uncertainty of the status of the performance. Taking part to a choreographed debate about regulative rules on the use of public space, by enacting such rules in a real public space, raises questions: Is this a game? Are we playing? Which role am I playing? In the street, the boundary between being in and out of the game is blurred, and so are the social boundaries between who is playing and who is not. Our diagrams represent strollers, as well as protesters and policemen, but the player identity and the normal everyday identity always somehow overlap. The sort of game we propose, at the same time playful, ironic and highly serious, has no goal – only rules, which without context, interpretation and the active participation of the visitors would exist only as static code, as ready-made, found predicates. Keeping a 1:1 scalar ratio with the human body was central to affording this interplay and to really make the rules legible on the ground, and it helped maintaining different levels of engagement.

Data visualisation?

We are getting accustomed to seeing the behaviour of the citizens – users, customers, consumers – of any given city represented through spectacular real-time maps and data visualisations. Rather than in a bird’s view on the city, we were interested in what’s above it. The transformation of rules into fully visible agents, might provide a possible model for opening up to new forms of civic and aesthetic engagement with hidden or abstract layers of the city. In fact, within the contemporary city, a plurality of processes and logics converge in the same sites. Our everyday experience of the urban cannot be understood but in relation to other processes, other dimensional scales. The encounter between these different logics happens on contended ground, hence the friction. We don’t sample from different cities in order to show specific conflicts, but because we are interested in the pervasivity of minor and daily frictions.

Towards a critical archive

The installation in Ljubljana and an edited collection of comments, short interviews, excerpts from articles and public acts constitute our notes towards a critical atlas.

We will keep working on the research project, adding more cities, involving more people, expanding the discourse.

We set up a beta version of the Friction Atlas archive, to start collecting external contributions: http://frictionatlas.net

Contacts

Initiated by Paolo Patelli and Giuditta Vendrame, la Jetée is a design and research collaborative based in Milano and Eindhoven. We manipulate research, design, and art practice into self-initiated and commissioned projects. We produce words, images and tools; we do, undo, re-do ourselves, and the world around us. Paolo is an architect, PhD candidate at the Politecnico di Milano. Giuditta is a designer, currently enrolled at the Design Academy Eindhoven

http://la-jetee.it

info@la-jetee.it

*

**

* * *

**

*

Friction Atlas, una coreografia per dibattere di spazio pubblico e leggibilità

Friction Atlas è un progetto di Paolo Patelli e Giuditta Vendrame (La Jetée), prodotto per BIO 50, la 24a Biennale del Design di Lubiana (18.9—7.12.2014).

Friction Atlas guarda al semplice atto del camminare nella città, campionando alcune delle regole e dei limiti che ordinano la circolazione dei cittadini nello spazio urbano. Nel processo, abbiamo esplorato diversi casi, con ricerche, disegni e performance. Abbiamo disegnato diagrammi in scala 1:1 sulle pavimentazioni di diversi spazi pubblici di Lubiana, per illustrare le regole che ne controllano l’uso, sovrapponendole a quelle di altre città come Genova, il Cairo, Washington, Stoccolma, Sydney. Abbiamo deliberatamente progettato e costruito situazioni, attraverso l’organizzazione di un ambiente e un gioco di eventi, che è risultata in una serie di azioni, derive, attraversamenti della città. Abbiamo invitato il pubblico ad interpretare coreografie, e a discuterne, a rileggere lo spazio urbano, per evidenziarne aspetti e dinamiche nascoste.

La natura algoritmica delle regole

Un numero di regolamenti, comunali e statali, ordinari o eccezionali, discretizzano il comportamento dei cittadini. Alle volte, questi si mostrano rigorosi e matematici, altre, imprecisi e indefiniti. Tendono ad essere algoritmici, quantitativi, e invisibili. Attraverso Friction Atlas, abbiamo cercato di rendere questi regolamenti – sempre implicitamente presenti in ogni spazio pubblico – espliciti e leggibili, attraverso dispositivi grafici. Con il coinvolgimento del pubblico, come notato da Regine Debatty, le dinamiche dell’autorità divengono non solo visivamente, ma anche fisicamente distinguibili. Le regole non sono altro che simboli, convenzioni, ma hanno il potere di persuadere le persone ad agire. Quando messe al lavoro, le regole producono qualcosa. Sono un insieme di istruzioni che incorporano il potere, adattandosi a condizioni sia interne che esterne. Sono una sorta di forza strutturale e invisibile, che costantemente agisce nella vita quotidiana. Ciascun cittadino esegue una routine sincronizzata, composta di elaborate mosse da svolgere su superfici pubbliche. È possibile riconoscere, in questa struttura, una coreografia che si estende ben oltre gli eventi eccezionali. Regole prescrittive esistono per i picnic nei parchi di New York, per ballare in Svezia, per i bambini in Islanda; non è così difficile vedere nei media immagini di dimostrazioni, marce in fila per uno, strette sul marciapiedi, di 49 persone al massimo, di fronte alla Casa Bianca.

Astrazione e realtà

L’idea di rendere queste istruzioni leggibili sul suolo pubblico, è nata al Cairo. In un gruppo di amici, fuori da un bar in Talaat Harb, un sera ci siamo resi conto di come – per la recente legge anti–protesta – fossimo in un assetto del tutto illegale: più di dieci persone stavano parlando di temi di interesse generale. Ci siamo subito chiesti come un gruppo possa essere identificato, o nascosto. Quale forma prende la soglia di allarme, nelle nostre mutue interazioni? In un codice, gli oggetti – così come le persone – sono astratti, e non possono essere conosciuti per se stessi. Le cose sono considerate unicamente per i propri predicati, e le qualità quantificabili. I cittadini, come individui o gruppi, sono analogamente misurati per il proprio numero, il rumore che producono, l’età che portano, le distanze che mantengono. Questa tensione diviene tangibile nella materialità e nella realtà della strada, che nel progetto diviene il naturale medium per ospitare una discussione.

Un gioco di ruolo in movimento

Nei nostri prototipi e nei test a Berlino e a Lubiana, così come nella installazione finale di fronte alla Moderna Galerija, la strada ha permesso e promosso interazioni inaspettate tra il pubblico e i dispositivi grafici progettati, oltre ciò che avevamo pianificato immaginato. Il contesto fisico è stato trasformato in un campo da gioco aperto, in un tavolo poco determinato. Abbiamo portato un invito a giocare, mantenendo l’esperienza ambigua, dando valore all’incertezza sullo status della performance. Prendere parte a un dibattito coreografato sulle regole prescrittive sull’uso dello spazio pubblico, attraverso l’interpretazione di queste regole in un reale spazio pubblico, apre a delle domande: è davvero un gioco? Che ruolo sto interpretando? Nella strada, il confine tra essere dentro e fuori dal gioco è sfuocato, così come lo sono le barriere sociali tra chi sta giocando e chi no. Nei diagrammi abbiamo rappresentato pedoni, come dimostranti o poliziotti, ma l’identità del giocatore e la sua normale identità quotidiana necessariamente si sovrappongono. Il tipo di coinvolgimento che proponiamo è allo stesso tempo giocoso, ironico, ed estremamente serio. Non ha un obiettivo, ma solo regole, che senza un contesto, una interpretazione, e l’attiva partecipazione dei visitatori esisterebbe solo come un codice statico, un ready-made, predicati trovati. Mantenere un rapporto scalare con il corpo umano 1:1 è stato centrale per permettere questo scambio, e per mantenere diversi livelli di coinvolgimento.

Visualizzazione di dati?

Ci stiamo abituando a vedere il comportamento di cittadini – utenti, acquirenti, consumatori – di ogni città, rappresentati attraverso spettacolari mappe in tempo reale e la visualizzazioni di relativi dati. Con questo progetto, piuttosto che in una vista a volo d’uccello, eravamo interessati in ciò che sta al di sopra della città. La trasformazione di leggi in agenti completamente visibili, può fornire un modello possibile per aprire a nuove forme di coinvolgimento civico ed estetico con aspetti nascosti della città. Nella città contemporanea, una pluralità di processi e logiche convergono negli stessi siti. La nostra esperienza quotidiana dell’urbano non può essere compresa se non in relazione ad altri processi, ad altre scale dimensionali. L’incontro tra queste diverse logiche ha luogo in uno spazio conteso, da cui la frizione. Il campionare leggi da diverse città non dimostra un interesse per conflitti specifici, quanto quello per la pervasività di frizioni minori e quotidiane.

Verso un archivio critico

L’installazione a Lubiana, e una ulteriore collezione di commenti, interviste, estratti da articoli e atti pubblici, costituiscono le nostre note verso un atlante critico. Continueremo a lavorare al progetto di ricerca, aggiungendo casi, città, coinvolgendo persone, espandendo il discorso. Nel frattempo, abbiamo pubblicato una versione beta dell’archivio di Friction Atlas, per iniziare a collezionare contributi esterni: http://frictionatlas.net

Profilo e contatti

La Jetée è una piattaforma per la collaborazione, iniziata da Paolo Patelli e Giuditta Vendrame, tra Milano e Eindhoven. Manipoliamo pratiche di ricerca, design, e arte in progetti indipendenti e commissionati. Produciamo parole, immagini e strumenti; facciamo, disfiamo, rifacciamo noi stessi e il mondo che abitiamo. Paolo è architetto, dottorando al Politecnico di Milano. Giuditta è designer, e attualmente frequenta la Design Academy di Eindhoven.

http://la-jetee.it

info@la-jetee.it

Brave New Alps – Dheisheh’s Common Green

Alla ricerca del verde perduto in Palestina

di Lorenzo Navone

“Dheisheh’s Common Green” non è la prima esperienza del collettivo Brave New Alps nei Territori palestinesi occupati ma, a differenza dei precedenti interventi in questo contesto (“Decode Jerusalem”, “Hotel Oush Grab”, con Decolonizing Architecture di Petti-Hilal-Weizman, ecc.), è probabilmente quello che in maniera più netta disvela uno sguardo spiccatamente antropologico.

Continue reading Brave New Alps – Dheisheh’s Common Green

Terraproject – New Towns

Caption. Lorenzo Francesconi, inhabitant of Cassignano. On the background the falling church of Cassignano.

* * *

TerraProject is a collective of Italian documentary photographers founded in Florence in 2006. Its founding members are Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini and Rocco Rorandelli.

In New Towns, TerraProject have explored four Italian new towns, built in the aftermath of major catastrophes: Conza della Campania, hit by an earthquake in 1980; Gibellina, hit by an earthquake in 1968; Vajont, destroyed by a dam collapse in 1963; and Sarno, partially destroyed by a landslide in 1998.

Continue reading Terraproject – New Towns

Serena Osti – There’s A Crisis!

There’s A Crisis!

On a September day, after having spent some days of complete isolation at the seaside, I came back to my ordinary student life and I was sunddenly acknowledged that the world had changed. It was Autumn 2008 and the financial international crisis had its breakthrough. Since I’m always keen on understanding what’s happening in the world, I chose this event as the topic for my final degree project giving it the title Instructions for the time after now.

Continue reading Serena Osti – There’s A Crisis!

Meira Ahmemulic – The Berlin Trilogy

[We are welcoming Meira Ahmemulic as professionaldreamers' Guest Artist, with an art project inspired to Berlin. Meira is an artist based in Berlin and Gothenburg. Most of her work uses the city as point of departure. She is a collector of signs, stories, coincidences and occurrences. Walking through the city is for Ahmemulic an act of writing, the city being a language in itself, and her artistic practice can be seen as a constant dialogue with the city as place, space and phenomenon]

Continue reading Meira Ahmemulic – The Berlin Trilogy

Daniele Pennati – Faccia a Faccia

Faccia a Faccia. Viaggio attraverso i contrasti urbani

Il lavoro d’indagine esposto si propone come un percorso attraverso i differenti luoghi che compongono la città di Milano. Un percorso attraverso i contrasti e le contraddizioni che costruiscono la città stessa. Un viaggio da periferia a periferia, da nord-ovest a sud-est percorrendo un territorio variegato composto dai luoghi della trasformazione, della quotidianità, della residenza, del lavoro, del pendolarismo e del turismo.

Continue reading Daniele Pennati – Faccia a Faccia

Alessandro Carboni – Overlapping Discrete Boundaries

Nell’epoca delle città diffuse, dell’iper-produzione delle immagini e dei new-media appare necessario un ragionamento sul concetto di tempo, una riflessione sull’idea di memoria che si configura sempre più chiaramente come il difficile spazio entro cui costruire emozioni e verificare nessi e ipotesi sulle differenti strategie relazionali.

Continue reading Alessandro Carboni – Overlapping Discrete Boundaries

Stanza's Sensities

Sensity is an art project by the British artist Stanza, whose research is smartly located at the intersection of urban space, new media and surveillance.

Continue reading Stanza’s Sensities

Donato Maniello Liquidscape

Le fotografie che ospitiamo appartengono al progetto Liquidscape.

Il progetto indaga il cambiamento di alcune città europee (Milano, Basilea, Londra, Zurigo e Napoli) attraverso la rappresentazione dei soggetti che vivono lo scenario urbano, colti nell’attimo della foto, ma restituiti nel movimento, nella scia dell’attimo che è già passato.

Continue reading Donato Maniello Liquidscape

Guest Artist - Staffan Schmidt

Modernity Retired: Chicago five

Staffan Schmidt is an artistic researcher with a PhD in fine art. He lives in Malmo, Sweden and works at Malmo university. Here, we present his work in progress called Modernity retired (2009-), for which Staffan has been interviewing a series of elderly architects in different locations around the world on the topic of modern modern life forms. Staffan has also been involved, with Mike Bode, in the project Spatial Expectation http://www.valand.gu.se/spatial_expectations/se/index.html (2001-2006), whose aim was to examine visually and theoretically the built environment and its implications as a social space. As an artist, Staffan has recently participated in the exhibition Land Use Poetics (2009): http://www.adk.lu.se/en/index.php?id=131.

Continue reading Guest Artist – Staffan Schmidt